Ferragamo: il passato e il presente nell’Investor Day


Si è tenuto nei primi giorni del mese di febbraio a Palazzo Spini Feroni l’Investor Day di Salvatore Ferragamo S.p.A., società impegnata nel lusso internazionale le cui origini risalgono a ben novant’anni fa.

Il gruppo Ferragamo, attualmente quotato in borsa, vede infatti nascere le sue origini nella città di Firenze, nelle rive dell’Arno dove Salvatore Ferragamo nel 1927 fece ritorno dall’America per fondare la sua preziosa casa di moda e i suoi laboratori di artigianato sopraffino, inizialmente concentrati sulla produzione di scarpe di alto lusso dedicate ai divi di Hollywood.

Tanta strada è stata fatta dagli esordi e all’Investor Day le redini sono state tirate dal presidente della società Ferruccio Ferragamo assieme alle sorelle Fulvia e Giovanna, il fratello Leonardo e la madre Wanda, attuale presidente onoraria del marchio di famiglia. Il brand di luxury è stato quotato in borsa nel 2011 e ha chiuso l’esercizio del 2016 registrando un fatturato pari a 1,44 miliardi di euro. Assieme alla famiglia il nuovo amministratore delegato Eraldo Poletto e il CFO ingegner Ernesto Greco, per una giornata storica che si è proposta di illustrare i lavori e gli obiettivi raggiunti dal gruppo in una location di eccezione, fra arazzi e stucchi antichi.

La giornata è stata aperta da un video alquanto intenso, intitolato “Salvatore Ferragamo, una leggenda che si evolve”, un inno alla storia e alle tradizioni del gruppo che mostrava le immagini dei divi di ieri e di oggi fan del brand di luxury Ferragamo, le boutique nel mondo che hanno oggigiorno raggiunto il numero di 680 monomarca nel mondo e 4000 dipendenti, le scenografiche sfilate e tutti i successi internazionali del marchio. Ferruccio Ferragamo ha quindi saputo legare il passato glorioso della casa di moda con il futuro, presentando gli attori protagonisti di oggi, ovvero il figlio James Ferragamo e i nipoti Angelica Ruspoli Visconti e Diego di San Giuliano, la nuova generazione che secondo regolamento aziendale sta portando avanti la forte e immutata tradizione di famiglia.

Ferragamo in Borsa

Ferragamo: previsioni

L’Investor day ha quindi ricordato l’impegno profuso dall’amministratore delegato Michele Norsa, che si è impegnato nella quotazione in bora dell’azienda e ha presentato agli investitori il nuovo CEO Eraldo Poletto. Lo stesso si è quindi impegnato a raccontare quale sarà il nuovo corso del brand, casa di moda basata sull’heritage, ma che si rivolge a un’internazionalizzazione di pregio, dove il made in Italy è centro di ogni processo e dove ampie risorse verranno impegnate per lo sviluppo massimo del marketing, per la cura del retail, per la conquista di nuovi mercati e per il doveroso potenziamento dell’e-commerce, un settore quest’ultimo che vede l’Italia ancora un po’ indietro e con tanta strada da fare.

Il nuovo CEO ha quindi ribadito che è volontà aziendale focalizzarsi sul pregio del prodotto, obiettivo che ha visto la maison assumere tre direttori creativi di punta. Paul Andrew si occuperà infatti delle calzature femminili, Fulvia Rigoni per il prêt-à-porter femminile e Guillaume Meilland andrà a seguire il prêt-à-porter maschile. Il valore dei nuovi designer è stato dimostrato con un’anteprima delle nuove sfilate di prêt-à-porter, occasione che ha permesso agli investitori di toccare con mano la forza e lo stile di un brand dai tratti intramontabili.

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top

Real Time Web Analytics

Clicky