Azioni ENEL consigliate tra le top pick del 2019 dopo l’avvio dei lavori di un mega parco eolico negli USA

By on 8 Gennaio 2019 in Enel (ENEL), Mercati with 0 Comments


Il titolo Enel si presenta ben impostato in questo primo scorcio di 2019, dopo essersi dimostrato uno dei miglior titoli di Piazza Affari nel 2018, con una performance a 12 mesi sostanzialmente invariata, a fronte di un calo del 16% dell’indice Ftse Mib.

Il colosso dell’energia elettrica italiano, ma con ramificazioni sparse in tutto il globo, nei giorni scorsi ha comunicati di aver avviato i lavori per la costruzione del parco eolico High Lonesome, in Texas. L’investimento in quello che sarà il più grande parco eolico nel portafoglio di Enel sarà pari a 600 milioni di euro e sarà effettuato attraverso la controllata Enel Green Power North America. La capacità installata sarà di ben 450 MW ed a pieno regime contribuirà alla produzione di 1.7 TWh di energia elettrica, mentre in termini di Ebitda l’investimento frutterà circa 60 milioni di euro l’anno, lo 0,4% del totale del margine operativo lordo del gruppo.

Buone notizie per Enel sono arrivate anche con la diffusione dell’andamento del PUN di Gennaio, ovvero il prezzo unico nazionale dell’energia elettrica, pari a 54,3 €/MWh, in crescita del 10,9% rispetto allo stesso periodo del 2018, ma tuttavia in contrazione del 16,6% rispetto allo scorso Dicembre. L’aumento del PUN è un fattore molto positivo per i produttori di energia elettrica da fonti rinnovabili non assistita da incentivi, come lo è appunto Enel.

Un altro bel colpo per il 2019 per il gruppo guidato dall’AD Francesco Starace è stato messo a segno con l’entrata nel progetto UVAM promosso dal governo. Attraverso Enel X, business line del gruppo concepita per i prodotti innovativi e le soluzioni digitali, Enel si è aggiudicata 156,9 MV di capacità, il 45% del totale del progetto, per un prezzo di circa 30 mila €/MW/anno, confermandosi leader in questa nicchia di mercato in Italia.

Grazie alle mosse appena indicate, la casa d’affari Mediobanca Securities ha confermato la propria raccomandazione ad “outperform“ sul titolo Enel, fissando un target price a 5,4 euro.

E’inoltre importante ricordare che in data 21 Gennaio, le azioni Enel staccheranno un anticipo sul dividendo ordinario pari a 0,14 cent/ euro, con pagamento per contanti il 23 Gennaio.

Andamento azioni Enel sul breve-medio periodo


Al momento della scrittura, il titolo Enel guadagna l’1% e viene scambiato a quota 5,206 euro. Come ben visibile sul grafico con time-frame giornaliero, in alto, le quotazioni stanno facendo segnare un doppio massimo di brevissimo, dopo aver trovato, nei giorni scorsi, supporto sulla media mobile a 10 giorni (la linea di colore azzurro sul grafico).

Il break-out di area 5,22-5,23 euro, confermato in chiusura daily o meglio ancora settimanale potrebbe pertanto favorire un allungo, prima verso quota 5,30 euro e successivamente verso area 5,40-5,45 euro. Al ribasso, invece, il promo sostegno cade su EMA 10, che al momento transita in area 5,10 euro, perso il quale il prezzo del titolo potrebbe dirigersi velocemente verso l’EMA a 25 giorni (la linea di colore rosso sul grafico), che transita in area 4,97 euro.

L’impostazione di breve-medio periodo, invece, rimarrà rialzista finché le quotazioni si troveranno al di sopra della media mobile a 50 giorni (la linea di colore verde sul grafico) che si colloca in area 4,82 euro.

Pattern di trading sul titolo Enel (ENEL.MI) valido da 1 a 5 giorni

Il pattern di trading rialzista prende forma in caso di ritorno oltre 5,23€ in chiusura oraria e prevede i primi due target price in area 5,256 e 5,282 euro; stop loss in caso di discesa sotto 5,162€ in close orario. Mantenere o incrementare le posizioni rialziste in caso di allungo oltre 4,282€ in chiusura di candela oraria, per cercare di prendere profitto prima 5,304€ e successivamente a 5,32€; stoppare le operazioni in caso di chiusura oraria minore di 5,206€.

Lecito insistere con nuove operazioni Long nel caso in cui si registri un close orario maggiore di 5,32€ per approfittare di eventuali rialzi in area 5,346 e 5,39 euro, estesa a 5,434€; stop loss in caso di ritorno sotto 5,256 in chiusura oraria. Suggeriti acquisti sulla debolezza in caso di affondo in area 4,896€ per sfruttare possibili rimbalzi a quota 4,946€ e 4,976€, estesi a 5,01; stop loss in caso di ulteriori cali sotto 4,80€ in close orario o daily.

Il pattern di trading ribassista, invece, si attiva in caso di close orario minore di 5,162€ e pronostica i primi due obiettivi in area 5,136 e 5,096 euro; stop loss in caso di recupero oltre 5,23€ in chiusura oraria. Mantenere o sovrappesare le posizioni corte in caso di discesa sotto 5,096€ in chiusura di candela oraria, per cercare di ricoprirsi prima a 5,052€ e successivamente a 5,01€; stop loss in caso di ritorno oltre 5,162€ in close orario.

Insistere con lo Short nel caso in cui la pressione al ribasso dovesse spingersi sotto 5,01€ in close orario o giornaliero, per approfittare di possibili cali in area 4,976 e 4,946 euro, estesi a 4,896€; stop loss in caso di ritorno sopra 5,096€ in chiusura oraria. Suggeriti Short speculativi in caso di estensioni al rialzo in area 5,434€, in ottica di pull-back a quota 5,39€ e 5,346€, estesi a 5,32€; stop loss in caso di ulteriori allunghi oltre 5,48€ in chiusura oraria o di giornata.

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top

Real Time Web Analytics

Clicky