Banca BPER evidenzia una semestrale in crescita

By on 11 Agosto 2017 in BPER Banca (BPE), Mercati with 0 Comments


Banca Bper ha archiviato il primo semestre dell’anno facendo registrare un forte rialzo dell’utile netto, attestatosi a 119 milioni di euro, in crescita dell’ 84% rispetto allo stesso periodo del 2016.

Il risultato ottenuto dall’istituto di credito guidato da Alessandro Vandelli è stato principalmente frutto di proventi straordinari netti per 60,5 milioni di euro, mentre il margine di intermediazione del gruppo è sceso del 3% a 991milioni di euro. A pesare sui ricavi hanno contribuito il calo del 20% dei profitti da trading (50,1 milioni di euro) e quello subito dal margine d’interesse, diminuito del 3,4% a 570 milioni di euro.

Buona, invece, la sforbiciata sui costi operativi che hanno evidenziato una flessione del 2,3%, incidendo per 619,2 milioni di euro, di cui 385,7 milioni di euro di spese per il personale (-3,2 milioni di euro). In salita a 359 milioni di euro le commissioni, con il contributo delle commissioni relative alla raccolta gestita in sensibile aumento dell’ 11% a 108 milioni di euro.

La voce rettifiche sui crediti è aumentata a 323 milioni di euro, gravata da 61,6 milioni di euro di componenti non ricorrenti di cui 53 milioni riconducibili alla svalutazione della quota versata per il Fondo Atlante ed 8,6 milioni quali quota per il contributo al Fondo Interbancario di tutela dei depositi. I crediti deteriorati in pancia al gruppo sono diminuiti del 5,5%, attestandosi a 5,9 miliardi di euro, coperti al 46,9%, mentre le sofferenze nette, pari a 2,9 miliardi di euro hanno evidenziato un calo del 2,6% e sono coperti al 58,8%.

I coefficienti di patrimonialità, invece, si sono mantenuti abbastanza stabili: il Cet1 è aumentato al 13,4% dal 13,3% del primo trimestre, mentre è sceso dal 13,8% di fine Dicembre 2016.

Andamento titolo Banca Bper sul breve-medio periodo


Le quotazioni del titolo BPER hanno cozzato per la seconda volta nell’ultime 4 settimane contro la resistenza in area 5 euro, che quindi si sta rivelando un ostacolo molto arduo da essere abbattuto. Il mancato superamento con conferma oltre quota 5 euro, ha innescato un movimento correttivo di brevissimo che ha già raggiunto la media mobile a 10 periodi (la linea di colore azzurro sul grafico con time frame giornaliero, in alto), transitante in area 4,85-4,80 euro.

Tuttavia il movimento rialzista di breve-medio periodo in atto sul titolo, rimarrà tale, fin quando il prezzo si troverà al di sopra della media mobile a 50 periodi (la linea verde sul grafico), passante in area 4,70-4,65 euro, con sostegno intermedio sulla media mobile a 25 periodo (la linea rossa sul grafico), transitante in area 4,75 euro circa. Al rialzo, invece, segnali di ripresa di brevissimo si avranno soltanto in caso di ritorno oltre 4,95 euro, per tentare un nuovo assalto alla resistenza in aerea 5 euro, per poi balzare a quota 5,20 euro circa.

Previsioni trading sul titolo BPER banca (BPE.MI): valide da 1-5 giorni

Lo scenario Long prende forma in seguito ad una chiusura oraria maggiore di 4,845€ e prevede i primi due target price in area 4,89 e 4,925 euro; stop loss in caso di discesa sotto 4,77€ in close orario. Mantenere o incrementare le posizioni rialziste in caso di allungo oltre 4,925€ in chiusura di candela oraria, per cercare di prendere profitto prima 4,96€ e successivamente a 5,01€; stoppare le operazioni in caso di chiusura oraria minore di 4,802€.

Insistere con nuove operazioni Long nel caso in cui si registri un close orario maggiore di 5,01€ per approfittare di eventuali rialzi in area 5,06 e 5,11 euro, estesa a 5,17€; stop loss in caso di ritorno sotto 4,925€ in chiusura oraria. Suggeriti acquisti sulla debolezza in caso di affondo in area 4,535€ per sfruttare possibili rimbalzi in prima battuta in area 4,595€ e successivamente a 4,62€; stop loss in caso di ulteriori cali sotto 4,50€ in close orario o daily.

Lo scenario Short, invece, si attiva in caso di close orario minore di 4,77€ e pronostica i primi due obiettivi in area 4,74 e 4,72 euro; stop loss in caso di ritorno sopra 4,845€ in chiusura oraria. Mantenere o sovrappesare le posizioni corte in caso di discesa sotto 4,72 € in chiusura di candela oraria per cercare di ricoprirsi prima a 4,67€ e successivamente a 4,62€; stop loss in caso di recupero di area 4,77€ in close orario.

Insistere con lo Short nel caso in cui la pressione delle vendite dovesse spingersi sotto 4,62€ in close orario o giornaliero per approfittare di possibili cali in area 4,595 e 4,58 euro, estesa a 4,535€; stop loss in caso di ritorno sopra 4,67€ in chiusura oraria. Suggeriti Short speculativi in caso di estensioni al rialzo in area 5,17€, in ottica di pull-back in un primo momento in area 5,11 ed in seconda battuta a 5,06 euro; stop loss in caso di ulteriori allunghi oltre 5,22€ in chiusura oraria o di giornata.

Post a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Top